5% di sconto con il codice: OMOITALIA

Kokedama e piante


Il kokedama

A Omotesandō lavoriamo con piante in stile kokedama. Letteralmente 'Kokedama' significa palla di muschio ed è una variante del bonsai che iniziò a essere realizzata circa 500 anni fa in Giappone. La pallina di muschio funge da sostituto del vaso tradizionale .

A Omotesandō ci siamo ispirati a questa tecnica giapponese e all'idea che sta dietro ad essa di portare un pezzo di natura nella tua casa.

Decorazione e posizionamento del kokedama

Arredamento

La bellezza del kokedama lo fa sembrare bello ovunque. Puoi posizionarlo sopra una base che può essere in legno, ardesia, ceramica o altri materiali . Puoi anche usare i piatti. Il kokedama si adatta a tutti gli ambienti e stili. E se vuoi dare un tocco di decorazione diverso, puoi appenderlo. I giardini galleggianti di Kokedama sono famosi.

Posizionamento

Si consiglia di posizionare il kokedama in un luogo luminoso ma protetto dal sole diretto. È inoltre preferibile che sia lontano da correnti d'aria e da fonti di calore dirette. La maggior parte dei kokedama sono piante da interno, ma se si tratta di una pianta da esterno, si consiglia anche di posizionarla lontano dalla luce solare diretta e da correnti d'aria calde e fredde .

Come annaffiare il kokedama

Kokedama viene annaffiato per immersione. La frequenza dell'irrigazione dipende dalla stagione dell'anno. Generalmente:

  • Primavera/Estate: 2 o 3 volte a settimana, quando vedi che il muschio è già asciutto.
  • Autunno/Inverno: 1 o 2 volte ogni dieci giorni, anche quando vedi che il muschio è già secco.

Passaggi da seguire quando lo innaffi:

  1. Immergere la pallina di muschio in una ciotola d'acqua finché non sarà tutta ricoperta.
  2. Aspetta che escano delle bollicine dall'interno del muschio.
  3. Tiratelo fuori e lasciatelo scolare finché non cola più .
  4. Ora puoi rimettere il tuo kokedama nel luogo che hai scelto!

Le piante

Come prendersi cura delle piante

Ecco alcuni trucchi per prendervi cura delle vostre piante!

1. Né poco né molto. Le piante necessitano di essere annaffiate ma non eccessivamente. Le piante tollerano meglio la mancanza d'acqua che l'eccesso. In ogni caso, prendersi cura di una pianta non è un compito difficile.

2. La stragrande maggioranza delle piante deve essere annaffiata una volta alla settimana. Fanno eccezione i cactus e le piante grasse. Devono essere annaffiati ogni due o tre settimane.

3. Vuoi sapere se è il momento di annaffiare la tua pianta? Metti il ​​dito per 2 centimetri nel substrato minerale. Se il substrato è asciutto è il momento di annaffiare. Quasi tutte le piante preferiscono un substrato leggermente umido.

4. Quando innaffi la tua pianta, la quantità d'acqua che devi mettere deve essere più o meno equivalente a un terzo della capacità del vaso. L'acqua deve essere a temperatura ambiente.

5. Normalmente le piante devono essere collocate in un luogo in cui ricevano luce indiretta. Tuttavia, ci sono piante che funzionano meglio in altri luoghi.

6. Fai una piccola ricerca su internet per individuare la tua pianta e scopri quali sono le sue esigenze più specifiche.

Se segui questi suggerimenti, la tua pianta sarà bella e felice. Divertirsi!