Cos'è un kokedama?


La storia di una tecnica antica

La parola kokedama significa “palla di muschio” e si riferisce ad un'antica tecnica originaria del Giappone che consiste nel piantare una pianta in un vaso naturale fatto di muschio. All'interno della palla di muschio si trova un substrato minerale e akadama, un'argilla giapponese che trattiene l'acqua e le sostanze nutritive per creare l'ambiente perfetto affinché le radici crescano sane.

Kokedama si basa sulla filosofia giapponese wabi sabi , che è una parte fondamentale dell'estetica giapponese e si riferisce agli ideali di bellezza del paese. Il termine wabi sabi è intraducibile e considerato indefinibile nella cultura giapponese, poiché significa trovare la bellezza nell’imperfezione. Si tratta di mescolare il controllato e il selvaggio, come la palla di muschio e la pianta selvatica.

Questo modo di creare piante a mano è nato più di 500 anni fa in Giappone grazie al desiderio delle persone di portare a casa un pezzettino di natura. Poiché i bonsai erano molto costosi, richiedevano molta attenzione e cura e l’accesso ai materiali era costoso, il kokedama cominciò ad essere conosciuto come “il bonsai dei poveri”. A poco a poco, è diventato popolare sia nel paese che nel mondo.

La pianta di kokedama è un mix di tradizione e modernità, un connubio molto tipico del Giappone, dove si può vedere il tempio più arcaico accanto ad un nuovissimo centro commerciale. Allo stesso modo, la pianta kokedama è diventata di moda per decorare gli interni, nonostante sia una tecnica antica che si tramanda di generazione in generazione.

Vuoi saperne di più sui kokedama?

Se anche tu vuoi imparare la tecnica del kokedama, non esitare a venire ad uno dei nostri laboratori !


Lascia un commento


Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima della pubblicazione